SCANDALO ALL’OMBRA, CHE NESSUNO CI VEDE

Per misurare la temperatura intellettuale di una data società, l’indagine della sua sfera sessuale è un ottimo punto di partenza. Prendi l’utilitaria, guidi un po’ sulla perenne Casilina, uno stradone che fa da collante tra la tua vita e le altre imbottigliate nel traffico, e poi ti fermi al primo sexy shop.
Il primo automatico di tutta Roma est, s’intende, me l’ha detto un cartellone pubblicitario. Nessun inserviente, nessun titolare. Riservatezza al 101%, anonimato al 100.
Se, come è facile immaginare, non te la senti ancora di sventolare un cartello con su scritto “Ho comprato una tutina sexy per la mia annoiata moglie”, vieni qui.
Sarà una sottospecie di bancomat a servirti senza riverirti: l’unico da oggi in poi a sapere come passi il tempo libero come mamma ti ha fatto.
Negli anni sessanta, qualcuno mi raccontò, si andava in auto fino al paesino più remoto della Caledonia a comprare l’impudica rivista “Le ore”. Nella migliore delle ipotesi travestiti da Diabolik, nella peggiore da gatto delle nevi. L’importante era non farsi riconoscere.
Il giornalaio del tuo girone dantesco non doveva insomma sapere: o meglio non doveva associare un generico prurito ad uno specifico volto. Il tuo.
Oggi abbiamo raggiunto il futuro tanto atteso, ma non è cambiato nulla. Certo è vero, ci sono frustini, manette, stivaloni in latex e tanti altri gingilli da neocatecumeni, ma la dialettica del decoro è rimasta inalterata. Se non fosse che adesso, per sfuggire all’etico giudizio, il prodotto erotico lo paghi a Robocop, che non ha tabù.
La sua deficienza artificiale odora di plastica e metallo e non moralizza perché non sa cos’è il pudore. E nemmeno il marketing, che più avanti vi spiego cosa c’entra.
Intanto chiediamoci perché, una società come la nostra che si autoproclama costantemente libera e sessualmente matura, che ha trapassato rivoluzioni di costume e sorvolato spiagge di intelletti nudisti, continua a manifestare infiammazioni bigotte della personalità.
La risposta sta nel marketing, ecco cosa c’entra.
I manuali della strategia capitalista insegnano: è necessità assoluta e primaria il funzionamento del messaggio persuasorio, la sua capacità performativa.
Fin qui tutto vecchio, pure banale. Sbadigliate, vi è concesso ancora per poco.
Perché si dà il caso che la bibbia del mercato raccomanda presto di stratificare l’anzidetta comunicazione suggestiva, di bipolarizzarla in due contenuti perfettamente opposti, rendendola dissociata e schizoide. Come un essere umano.
Scriveva Stevenson: “L’uomo non è veracemente uno, ma due”. Dr. Jekyll e Mr. Hyde.
E allora è il caso di consigliare due cose diverse alla stessa persona e al contempo la stessa cosa a due persone diverse.
Nella sexy fattispecie: da un lato di alimentare il vizio, dall’altro di tutelare la virtù di facciata. Messaggi opposti che si eccitano a vicenda, accaparrandosi in tal modo la soggezione psicologica dello stesso individuo.
Stempero il vostro mal di testa con un aneddoto a tema, poi vi saluto:
Una mia zia ricca, timorata dal suo onnipresente intercalare “Madonnuzza bedda”, rifiutava a tal punto il genere cinematografico a luci rosse, da non riuscire nemmeno a nominarlo. Non diceva mai film porno, lei le chiamava pellicole vietate.
Si scoprì col tempo che la vegliarda passava le domeniche giammai in chiesa, come credeva il marito, ma a sbobinare lungometraggi hot con il suo amante, un sessuomane membro, tra l’altro, del Comitato censura dell’Istituto Luce.

Design Pininfarina.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

One thought on “SCANDALO ALL’OMBRA, CHE NESSUNO CI VEDE

  1. sdrammaturgo ha detto:

    C’è pure a Montefiascone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: